Ferrovienord, tutta la rete ha sistemi avanzati di segnalamento e regolazione della circolazione

Il presidente Gibelli: massimo impegno sul tema della sicurezza

Milano, 13 luglio 2016 – Il 100% dei 320 chilometri complessivi di rete di Ferrovie Nord (pari a 495 chilometri di binari) è coperto da sistemi di segnalamento e regolazione della circolazione molto avanzati, di elevata affidabilità, identici a quelli in uso sulla rete RFI: Blocco Automatico a Correnti Codificate (BACC) o Blocco Conta Assi (BCA).

In aggiunta, a partire dal 2008, si stanno progressivamente installando sistemi di ausilio alla condotta: Sistema Controllo Marcia Treno (SCMT) o Sistema di Supporto alla Condotta (SSC). Questo programma di ulteriore aggiornamento tecnologico si sta realizzando in collaborazione e in parallelo con l’analogo programma di RFI in base anche alle indicazioni del Ministero. Questi sistemi attualmente coprono 300 chilometri di binari pari al 60% della rete, dove si svolge però più dell’80% del traffico. Entro un anno l’intera rete sarà coperta anche da questi ulteriori sistemi di sicurezza. Per questi interventi Regione Lombardia ha investito circa 45 milioni di euro.

In questo finanziamento è compreso anche l’attrezzaggio dei treni più vecchi per rendere funzionante la nuova tecnologia mentre il nuovo materiale rotabile è già adatto allo scopo.

“La nostra rete ha un livello di sicurezza tra i più avanzati – spiega il presidente di Ferrovie Nord Andrea GIbelli – e sistemi di controllo tecnologici moderni e affidabili. Grazie anche all’impegno della Regione Lombardia lo stiamo ulteriormente migliorando. E’ un tema su cui non è mancato e non mancherà mai l’impegno quotidiano di tutta l’azienda”.