Erba, una stazione più sicura ed accessibile

Terminati i lavori di ammodernamento dello scalo all’interno del progetto
Brianza Expo realizzato da Ferrovienord in collaborazione con Regione Lombardia

Milano, 22 aprile 2015 – Una stazione più sicura, accessibile a tutti e strutturata in maniera tale da garantire un servizio sempre più efficiente. Sono questi i principali benefici generati dagli interventi di ammodernamento, appena conclusi, che hanno interessato la stazione Ferrovienord di Erba, nell’ambito del progetto Brianza Expo.

La presentazione degli interventi realizzati è stata fatta oggi nel corso di un sopralluogo al quale erano presenti il presidente di Ferrovienord, Carlo Malugani, l’amministratore delegato, Marco Barra Caracciolo, il sottosegretario per l’attuazione del programma di Regione Lombardia, Alessandro Fermi e il sindaco di Erba, Marcella Tili.

I lavori hanno comportato la realizzazione di una nuova banchina centrale a servizio dei binari 2 e 3, di banchine alte 55 cm rispetto ai binari, lunghe 230 metri e dotate di pensiline e illuminazione, l’adeguamento del sottopasso pedonale, che è stato dotato della scala e di un nuovo ascensore a servizio dei binari 2 e 3, l’installazione di un sistema di sorveglianza con telecamere a circuito chiuso e l’ammodernamento dell’impianto di diffusione sonora delle informazioni al pubblico.

Si tratta di opere estremamente importanti che porteranno a un miglioramento della regolarità della circolazione, all’innalzamento del livello di sicurezza e a una maggiore accessibilità dello scalo.

Gli investimenti per la riqualificazione della stazione ammontano a 2,5 milioni di euro coperti per il 60 per cento con il contratto di programma degli investimenti tra Ferrovienord e Regione Lombardia e per il 40 per cento da fondi europei FAS.

La riqualificazione della stazione di Erba è un altro importante tassello, uno degli ultimi, nell’ambito del Progetto Brianza Expo, che Ferrovienord ha lanciato nel novembre 2013 in collaborazione con Regione Lombardia, e che prevede la riqualificazione e l’ammodernamento
dell’intera linea Milano-Asso, con interventi per un investimento complessivo di 75 milioni di euro.
“Dal punto di vista ferroviario, ha dichiarato il presidente di Ferrovienord, Carlo Malugani, quella di Erba è la principale stazione di incrocio dei treni regionali sulla tratta a binario unico tra Seveso ed Asso. Con gli interventi realizzati puntiamo a migliorare la regolarità della circolazione, grazie alla possibilità di accelerare le manovre d’incrocio. Inoltre, la stazione di Erba è ora in condizione di essere equipaggiata con il sistema di sicurezza SCMT. A nome di Ferrovienord, sono orgoglioso di poter essere qui oggi a presentare al territorio e ai cittadini la nuova stazione di Erba, una stazione, ha concluso Malugani, più sicura e accessibile per tutti”.

“Eccellenza ed efficienza: queste le parole chiave del progetto strutturale realizzato a Erba, che da oggi potrà godere di una stazione più moderna e all’avanguardia – cosi il Sottosegretario all’Attuazione del Programma, Alessandro Fermi, in occasione della presentazione della nuova stazione ferroviaria erbese. Gli importanti contributi stanziati da Regione Lombardia – continua soddisfatto Fermi – il lavoro sinergico con l’Amministrazione Comunale e Ferrovienord consentirà alla Città di Erba, a pochi giorni dall’avvio di Expo, di usufruire di una stazione più moderna, sicura e maggiormente accessibile. Questo intervento si inserisce all’interno di una serie di azioni che hanno coinvolto tutta la tratta Milano-Asso migliorando il servizio offerto ai pendolari.”
“La ferrovia con la propria stazione è stata per la città di Erba stimolo importante per la crescita economica e civile – dichiara il Sindaco di Erba -. Si tratta di un’opera di grande prestigio cui oggi ridiamo pari dignità con il bellissimo intervento di ammodernamento che ha reso la stazione più accessibile, accogliente, funzionale e tecnologica. Ancora oggi la ferrovia centenaria con la propria stazione rappresenta un elemento di promozione e di sostegno di tutto l’Erbese.”